RE-POWER-UE: NUOVE SFIDE ENERGETICHE PER RIDURRE L’IMPORTAZIONE DI GAS RUSSO

Il pacchetto di misure del RePowerUE, presentato dalla Commissione Europea lo scorso 18 maggio, si propone di ridurre l’utilizzo del gas naturale proveniente dalla Russia entro il 2027.
Le previsioni programmatiche a cui si fa riferimento sono oltremodo sfidanti perché orientate ad innalzare la quota di rinnovabili al 45% già dal 2030, a introdurre vincoli in tema di efficienza energetica ( +13%) unitamente a un forte incremento nell’utilizzo dell’idrogeno verde e Biometano come gas rinnovabili

Un Termovalorizzatore a Roma è una soluzione valida?

Nelle valutazioni sulla realizzazione del termovalorizzatore romano andrebbero quanto meno date risposte rispetto alle domande che seguono.
• Se come si spera, il servizio di racconta differenziata romana recuperasse i deficit accumulato e raggiungesse gli obiettivi previsti dalla norma ci sarebbe combustibile bastante nel 2030 per rientrare dei costi dell’investimento?
• Realizzare un termovalorizzatore non è un segno di debolezza nella partita del riciclo dei materiali essendo questi inversamente proporzionali ai volumi da inviare alla combustione?
• La necessità di realizzare un termovalorizzatore serve all’accettabilità pubblica della realizzazione di una discarica di servizio, cioè, visto che comunque nel territorio del comune di Roma una scarica dovrà essere costruita per forza si vuole assicurare che il rifiuto conferito sarà di minore volume e inerte perché solo il residuo di una combustione mirata?
Credo che questi e altri argomenti siano quelli degni della discussione e non certo le prese di posizione preconcette che ho sentito in certi ambienti romani. Vedremo se il Sindaco sarà in grado di supportare le sue tesi con dati e studi.
L’importante è che si metta mano alla soluzione del problema dei rifiuti nella Capitale d’Italia nella speranza che non sia solo una acuta strategia politica in vista delle prossime elezioni regionali e parlamentari per “tracciare o stracciare” vecchie e nuove alleanze su un tema che è stato da sempre un cavallo di battaglia delle coalizioni del centro destra.
Personalmente, per quello che vale il mio giudizio la questione resta aperta

MUNICIPIO X: SI E’ TENUTA AD ACILIA L’ASSEMBLEA DEL COMITATO PENDOLARI DELLA ROMA-LIDO

C’è stata una buona partecipazione pubblica all’assemblea del Comitato Pendolari, tenutasi ieri sera presso il piazzale antistante la stazione di Acilia. Nel corso degli interventi dei rappresentanti del Comitato, sono emersi tutti i limiti amministrativi della gestione della Roma Lido degli scorsi 10 anni, fino all’insostenibilità tecnica del servizio attuale, per la mancanza dell’elemento fondamentale che caratterizza una linea ferroviaria: cioè la disponibilità di un numero di treni sufficiente a garantire la domanda di mobilità. La realtà agghiacciante è che rispetto a questa mancanza di convogli i primi treni nuovi saranno disponibili non prima del giubileo.

TASSONOMIA UE: LA DECISIONE PASSA AL PARLAMENTO EUROPEO.

Il dibattito sulla tassonomia sostenibile del gas e il nucleare ha generato discussioni e confronti nella politica nazionale e europea. La novità di questi giorni è l’approvazione della proposta di tassonomia da parte della Commissione UE, nonostante il voto contrario di 5 commissari su 27.
Riporto nell’articolo le posizioni espresse dai partiti nazionali e quella del Governo in argomento.

RIFIUTI ROMANI – EPPUR SI MUOVE

Nello sviluppo dell’impiantistica per il trattamento dei rifiuti urbani di Roma ci sono interessanti sviluppi di intervento da parte di nuovi attori, tra cui spicca l’attività dell’altra partecipata romana ACEA S.p.A. Riporta un comunicato di Roma capitale che: “Per la prima volta le due società partecipate si sono confrontate sulle possibili sinergie legate ai rispettivi piani industriali e su nuovi investimenti. Questa nuova partnership potrà favorire uno stabile rafforzamento della dotazione impiantistica della Capitale”.
Si può essere d’accordo o meno sulle scelte ma almeno sembra che dal punto di vista impiantistico qualcosa comincia a muoversi.
Staremo a vedere.

BLOCCO PROGETTO PONTE DELLA SCAFA: CONFERMA DELLE POCHE COMPETENZE DEI COMUNI IN MATERIA IDRAULICA

Quando le Amministrazioni comunali non sono in grado di sviluppare progetti integrati nel contesto socio-ambientale su cui insistono, succede quello che è successo per il discusso ponte sul Tevere denominato della Scafa, bloccato a cantieri avviati, dal parere emesso dal Consorzio di Bonifica del Litorale Nord.
La causa sembra imputabile ad una mancata attenzione nella progettazione allo smaltimento delle acque piovane, fatto che è una sorta di “tallone di Achille” per molte opere realizzate dal Comune di Roma che sia tratti di una strada o del rilascio di una concessione edilizia. Così mancando attenzione da parte dell’ente addetto al controllo, lo smaltimento delle acque di pioggia è sempre il fratello povero delle previsioni progettuali dei tecnici.
Solo ultimamente, per l’eco mediatico assunto da criticità quali il consumo di suolo e i danni arrecati dall’impermeabilizzazioni di superfici dal punto di vista del disseto idrogeologico, qualcuno sta iniziando a farsi sentire assestando questi sonori schiaffoni alle amministrazioni dimentiche del problema come accaduto nel caso del ponte della Scafa. Il fatto increscioso è quindi da leggere come un ulteriore conferma della scarsa cultura tecnica generale sui temi idraulici da parte delle amministrazioni comunali da cui derivano i noti problemi del dissesto idrogeologico.

TASSONOMIA UE: LE ATTIVITA’ SOSTENIBILI PER LA DECARBONIZZAZIONE DEI CONSUMI ENERGETICI

C’è una grande attenzione tra gli addetti ai lavori e non, sulle decisioni comunitarie in tema di tassonomia energetica, intesa come classificazione comune delle attività economiche che possono essere considerate sostenibili dal punto di vista ambientale.
L’articolo riporta i contenuti della proposta dell’atto delegato UE in merito al gas e nucleare, essendo questi i due settori rimasti fuori dalle decisioni tassonomiche adottate in precedenza.
Mentre sul nucleare si argomenta su come in Italia questo non possa essere di nessun aiuto ai fini del raggiungimento degli obiettivi energetici intermedi 2030 e finali 2050; per il gas sono passati in rassegna aspetti poco noti ma indispensabili per dare un giudizio di merito. Vi invito a prendervi il tempo di leggere queste informazioni.

PREZZO DEL GAS FRUTTO DI MANCANZE STRUTTURALI EUROPEE

La crisi generata dalla mancanza di gas sta assumendo dimensioni internazionali. Gli aumenti del gas sono portatori di forte insofferenza popolare nei paesi a libero mercato (tipo l’Italia dove i singoli Stati hanno pochissime leve di intervento per agire sul prezzo dell’energia) che diventano vere e proprie sommosse popolari laddove il prezzo e amministrato (Paesi nell’orbita politica della Russia). In Kazakistan, infatti, sono migliaia le persone che si sono riversate per le strade per manifestare contro l’aumento del prezzo del gas. Riporto di seguito alcune valutazioni del Professore (a contratto) Davide Tabarelli, Presidente e fondatore, dal 2006, di NE-Nomisma Energia, società di ricerca sull’energia e l’ambiente.

EROSIONE COSTIERA – OTTIMA E PROFICUA COLLABORAZIONE CON LA REGIONE LAZIO DURANTE LA PASSATA AMMINISTRAZIONE MUNICIPALE

Con tutto il rispetto per gli sforzi che la nuova consigliatura sta facendo per mantenere fede al proprio mandato, ritengo doveroso puntualizzare che i lavori di risistemazione degli arenili, attualmente in corso sul litorale di Ostia, sono soprattutto il frutto dello spirito di collaborazione istituzionale intercorso tra Municipio e Regione Lazio nella scorsa consigliatura.
Come ex Presidente della locale Commissione Ambiente, al di là delle soluzione tecniche adottate di cui rispondono gli esperti, mi corre l’obbligo di esprimere un sentito ringraziamento per come gli uffici del competente Assessorato regionale hanno risposto alle istanze presentate dal municipio. Alcune delle quali aventi per oggetto proprio interventi a favore dell’imprenditoria locale, come chiarisco in questo articolo pubblicato sul mio blog personale.